Loading the content... Loading depends on your connection speed!

Niente scuse inutili e l’autostima sale: i consigli degli esperti

Oggi vogliamo farvi riflettere su una condizione che ci accomuna un po’ tutti, quella di offrire spesso scuse inutili e, senza accorgercene, minare la nostra autostima. Interessati al benessere psico-fisico ci siamo incuriositi alle teorie di molti psicologi e sociologi che puntano tutti verso il medesimo responso: le scuse inutili finiscono per sminuirci di fronte al nostro interlocutore e sminuire il valore di quello che stiamo per dire.

Non ci credete e pensate che a voi non succeda? Allora fermatevi a riflettere a quante volte al giorno chiedete scusa e quante di queste scuse siano realmente motivate. Adesso forse vi chiederete quali sono le scuse inutili? Alcuni esempi citati dalla sociologa Maja Jovanovic rendono bene l’idea: quando ci scusiamo per prendere la parola in una riunione, quando posticipiamo un appuntamento dal parrucchiere, quando chiediamo addirittura scusa per gli errori altrui, ad es. al fattorino della pizza che non trova il civico di casa “scusa, la casa non rimane visibile dalla strada…”

Queste scuse “croniche” sono spesso una prerogativa femminile, rilevano gli esperti, dal momento che culturalmente le donne sono stati nei secoli “educate” a scusarsi anche quando non necessario. Siamo allora destinati a restare vittime di questo circolo vizioso? No, la soluzione per non porgere più scuse inutili c’è, basta sostituirle con espressioni di circostanza, ad es. “prego, prima lei” scontrandosi per strada o per l’ingresso in ascensore, “che ne direste se…” o “avrei un’idea da proporre” prendendo la parola in riunione al posto del “scusate se vi interrompo…”.

Il punto è essere educati e cordiali senza minare la nostra autostima. Altro esempio, di cui tutti siamo colpevoli (alzi la mano chi non lo è) quando non potendo rispondere subito ad un messaggio o email esordiamo con delle scuse: più corretto per la nostra autostima sarebbe dire “stavo lavorando”“ero lontano dal pc” o altro, motivando la circostanza.

Sapevate che Google ha addirittura sviluppato un plug-in per che corregge le scuse inutili in un testo di email? Se lo riconosce anche l’intelligenza artificiale di Google è proprio arrivato il momento di prenderci cura della nostra autostima, non ci sono più scuse.

Lascia un commento

Mobile version: Enabled