Loading the content... Loading depends on your connection speed!

Dall’olfatto al cinema: 5 film a tema profumo da vedere

In questi giorni la 72ª edizione del Festival di Cannes ci fa sognare di fronte ai nuovi film in concorso. Per quanto dal grande schermo (per adesso)non si possano sentire i profumi, è vero che il cinema negli anni ha raccontato storie in cui i profumi e l’olfatto sono tra i protagonisti assoluti.
Ecco una selezione di 5 film a tema profumo da vedere per immergersi in un viaggio in cui l’olfatto decisamente buca lo schermo.

Grand Budapest Hotel (2014)

Monsieur Gustave è il concierge di un grande hotel che non esce mai dalla sua stanza senza aver indossato la sua fragranza preferita, Air de Panache. Mentore di un giovane facchino in questo rocambolesco film di crescita e formazione sullo sfondo di un’immaginaria mittle-Europa, Grand Budapest Hotel sancisce la corrispondenza olfattiva tra il protagonista M. Gustave e il suo profumo Air de Panache, come vi avevamo accennato in questo post sull’olfatto che ispira l’arte.

Profumo – Storia di un assassino (2006)

Tratto dal romanzo Profumo di Patrick Suskind, questo film racconta al meglio la complessità dell’universo olfattivo. Dotato di un incredibile olfatto, il protagonista Jean-Baptiste Grenouille fin dalla nascita intraprende la ricerca spasmodica di una sua identità olfattiva, diventando il miglior creatore di profumi nella Francia del ‘700 e al contempo autore di delitti efferati. Ben Wisham, che interpreta il “naso” sanguinario, è protagonista del film ora in concorso al festival di Cannes “Little Joe”.

Il profumo del mosto selvatico (1995)

In questo film con protagonista Keanu Reeves si concentrano i profumi della vigna, della vendemmia e dell’aroma zuccherino dell’uva pigiata. Profumi e sentori che nel nostro territorio conosciamo bene, con l’eccellenza dei vitigni e lo splendore della terra toscana. Nel film, ambientato nella California del Sud, il profumo del mosto selvatico suggellerà un amore nato per caso e maturato, come acini d’uva sotto il sole estivo, grazie al calore della vigna-famiglia.

Scent of a woman – Profumo di donna (1992)

Remake dell’omonimo film italiano di Dino Risi, il film con protagonista Al Pacino racconta il viaggio del burbero e non-vedente colonnello Slade verso New York, accompagnato dal timido ed impacciato Charlie. Lungo il tragitto tra i due nascerà un’amicizia in cui il cinico colonnello cercherà di fare da mentore di vita all’ingenuo studente. Nel racconto di una vita vissuta intensamente al buio della cecità, il colonnello Slade e il suo olfatto glorificano di continuo il profumo di donna:

Le donne… Sai cosa ti dico? Chi le ha create… Dio deve essere proprio un genio. I capelli, i capelli sono tutto, lo sai: hai mai affondato il naso in una montagna di capelli sognanti? Di addormentartici sopra?

Come l’acqua per il cioccolato (1992)

Una passione sublimata attraverso il senso del gusto e dell’olfatto: Tita e Pedro, amanti contrastati dalle imposizioni della famiglia e di una società arcaica, vivono il loro amore attraverso i piatti e le preparazioni gastronomiche in cui Tita crea delle vere e proprie alchimie di sapori e profumi.

(…)Sembrava che per uno strano fenomeno d’alchimia tutto il suo essere si fosse sciolto nella salsa di rosa, nella carne delle quaglie e in ogni aroma del cibo (….)

 

Lascia un commento

Mobile version: Enabled